Recupero e riciclo della plastica: dalla creatività all’utilità


Dopo un periodo di stallo eccoci a riproporvi la settimanale rubrica dedicata alle "Eco Desperate Housewives" che siano esse single, neo sposine o matrone, perchè in tempi di crisi risparmiare diventa un must ed è sempre importante considerare il nostro impatto sull'ambiente. 
Il seguente articolo, scritto da Cristina del blog Eco Natura Bio, va bene proprio per tutti anche uomini.La normativa italiana prevede che gli imballaggi in plastica e da poco anche piatti bicchieri e posate in plastica usa e getta, vengano riciclati. Per tale motivo i produttori contribuiscono economicamente alla raccolta attraverso consorzi, i quali versano ai Comuni una quota per l'avvio al riciclo. 
Tutto questo avviene perché la plastica non è un materiale ecosostenibile. Una sostanza decomponibile, viene attaccata da alcuni batteri che ne estraggono gli enzimi necessari alla decomposizione in prodotti semplici, dopodiché l'elemento viene assorbito completamente nel terreno. La plastica è un derivato del petrolio e una volta immessa in natura senza nessuna trasformazione preventiva, essa ci rimane tal quale per centinaia di anni con effetti devastanti sull’ecosistema.
Cosa possiamo fare noi casalinghe ecologiche?
Per esempio ricordarci la regola delle R
- riduci gli acquisti imballati; 
- riusa quello che hai; 
- ricicla tutto il resto.
Ma anche affidarci ad autoproduzioni, acquistare sfuso, chiedere contenitori in vetro o alluminio, acquistare prodotti riciclati o riciclare noi stessi in maniera creativa. 
E specialmente evitare di acquistare quei prodotti le cui parti sono fuse e saldate insieme in modo complicato li possiamo chiamare “ibridi mostruosi”  perché impossibili o difficili da riciclare.
L’essenza del riciclaggio è il movimento ciclico di materiali all’interno del sistema, eliminando i rifiuti e il bisogno di estrarre più materiale vergine. 
Appoggiare operazioni di riciclaggio significa alimentare questo ciclo. 



Ecco alcune idee per un riciclo creativo e utile degli imballaggi plastici: dei gioielli in plastica riciclata (in alto), delle palette per il giardinaggio o per la pulizia in casa, un facile progetto da realizzare con i vostri bimbi.











Vi ricordiamo inoltre le iniziative per il riciclo dei tappi.







Quando il riciclo diventa un’opera artistica...un pesce scultura costruito interamente con bottiglie di plastica di recupero. E’ stato creato in Brasile a Rio de Janeiro sulla spiaggia di Botafogo in occasione della United National Conference sullo Sviluppo Sostenibile.






Dal 19 al 23 Settembre 2012 al Parco Centrale del Lago dell'Eur a Roma si terrà la prima regata di imbarcazioni costruite con materiali riciclati, l'iniziativa mira a promuovere la sensibilizzazione verso la raccolta differenziata e il riciclaggio.







Le barche di bottiglie però non sono un'idea completamente nuova, già nel 2009 infatti il fondatore di Adventure Ecology, David de Rothschild lanciò la Plastiki Expedition. Il suo obiettivo era navigare 12,000 miglia nautiche attraverso l'Oceano Pacifico da San Francisco a Sydney in una barca fatta interamente di bottiglie di plastica usate e di materiale completamente riciclato.





Ma cosa possiamo mettere nel sacco della plastica? Ecco un'immagine per ricordarcelo:


2 commenti:

  1. eccomi! nuova iscritta!!!! fantastica l'idea della palettina!!!!!
    ragazzi in bocca al lupo per il matrimonio con lo sponsor!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Giusy e benvenuta!! Spero che ti piaceranno anche i prossimi articoli dedicati all'ambiente e al low cost ^^
      ciao

      Elimina