Bomboniere create..."al fresco"!

Attraverso internet qualcuno è venuto a conoscenza della nostra iniziativa 60 bomboniere per 60 creative e, preso dalla voglia di partecipare alla nostra gioia e farci i migliori auguri per una serena e felice vita a due, ci ha spedito un pacchetto contenente due ceramiche fatte interamente a mano. 

Queste però sono delle bomboniere un po' diverse dalle altre, perché diverse sono le mani che le hanno realizzate... Le due creazioni sono opera dei detenuti della Casa Circondariale di Ascoli Piceno!



Le creazioni che ci ha spedito
Enrico sono proprio quelle casette! 
Su internet abbiamo conosciuto Enrico, che assieme ad una quindicina di volontari, da alcuni anni, entra all'interno della struttura carceraria per svolgere alcune attività assieme ai detenuti, insegnando anche a realizzare oggetti completamente fatti a mano, dipinti o decorati al decoupage, (vassoi, tovagliette per la colazione, vasi, ceramiche, portafogli e cinture in pelle, ...) che 4-5 volte all'anno vengono venduti nelle parrocchie della provincia. 





In queste occasioni i volontari portano con loro anche 2 o 3 detenuti, che vengono affidati loro per tutta la giornata, in modo che queste persone possano trascorrere una giornata in spensieratezza ed all'aria aperta! 





Ecco una delle bancarelle
organizzate da volontari e detenuti,
Enrico è il primo da sinistra.
Il ricavato delle bancarelle serve per autofinanziare altre attività che vengono svolte "al fresco" oppure devolute in beneficenza. Enrico ci racconta che ad esempio, da alcuni anni, i detenuti hanno adottato a distanza una bambina africana oppure che, in occasione del terremoto a L'Aquila, hanno acquistato beni di prima necessità che poi la Protezione Civile ha trasportato nelle zone colpite dall'evento. Non tutti però si danno all'artigianato: da poche settimane, all'interno del carcere è stato realizzato anche un orto (chiamato di proposito "Orto al Fresco") dove vengono coltivati ortaggi e verdure di stagione in maniera completamente biologica. Anche per la realizzazione di questa idea la Protezione Civile di Ascoli Piceno ha aiutato molto, prendendosi in carico il problema di reperire e portare dentro l'acqua necessaria per l'irrigazione dell'orto, essendo vietato dalla legge usare acqua corrente. I volontari con una particolare predisposizione per la pittura stanno realizzando invece  dei murales per rendere maggiormente accoglienti ed allegre alcune stanze. 
Ecco alcune copie
de Il Mosaico dei Ricordi


Inoltre, sta per uscire un libro intitolato "Il Mosaico dei Ricordi", scritto ed illustrato dai detenuti stessi, nel quale essi raccontano momenti felici della loro infanzia ed adolescenza prima che la loro esistenza venisse travolta ed anche stravolta dai fatti della vita. 

Siamo felici di avere conosciuto una simile iniziativa e anche di avere la possibilità di parlarne a voi che state leggendo! ^_^


1 commento: