Parlando con la salvia!



Eccoci al secondo appuntamento con la rubrica per le casalinghe eco-disperate a cura di Green Mind!
Oggi scopriremo che una pianta molto familiare a tutti noi si può rivelare una grande amica di tutte le donne e di tutti gli sposini! Diamo ora la parola a Giulia...
Se c'è un momento che scatena il panico nella coppia, soprattutto all'inizio del volo nuziale (poi in fondo ci si fa l'abitudine), è quello che inizia cinque giorni prima del mese lunare della dolce consorte: nome di battaglia, sindrome premestruale.

I maritini si metteranno le mani in faccia, facendosi scivolare l'intero palmo della mano sulle guance, poi passeranno ai capelli, infine apriranno le braccia e con un gesto appesantito dal terrore più vivido le faranno cadere lungo i fianchi!
Eh sì, sono momenti duri da superare. Momenti in cui la tolleranza viene ricordata come quella spiaggia bianca fitta di palme e coralli, far l'amore sulla battigia, quando ci tenevamo felici per mano... la, la,la.
Ma cari uomini, e soprattutto care sorelle donne, abbiamo il rimedio che fa per voi. Un rimedio antico, facilmente raggiungibile e soprattutto... COLTIVABILE! 

Per la sindrome premestruale, la nostra Madre Natura ci ha donato la salvia. Sì, proprio lei, quella profumatissima e rigogliosissima pianta che cresce imperterrita ovunque, una pianta dalle radici possenti, foglia spessa con tanti piccoli 'puntini' sulla superficie: i quali sembrano messi lì appositamente per assorbire quello che di utile c'è da assorbire e per donarcelo sotto forma di essenza.
Grazie ai flavonoidi, che svolgono l'importante funzione estrogenica, l'olio essenziale di salvia stimola gli ormoni ed è particolarmente indicato in caso di vampate di calore o amenorrea.
È anche perfetta contro i mal di testa e gli spasmi mestruali.
Ci sono vari rimedi per somministrarsela, ma io ne ho scoperto uno molto particolare che su di me funzione eccellentemente: una settimana prima delle mie mestruzioni, quando inizio a sentire disturbi, ne stacco una foglia (me la sono piantata sul balcone, poiché è ottima anche in cucina) e la mastico senza mangiarla. Arriva il meledettissimo giorno della sindrome, ma io non crollo.
Ricetta dell'infuso di salvia ad uso interno 
1 cucchiaio raso di foglie di salvia; 
1 tazza d’acqua 

Portate a quasi 100 gradi l’acqua (ma ricordate di non farla bollire completamente), spegnete il fuoco e versate la salvia nell'acqua. Coprite e lasciate in infusione per 5 minuti. Filtrate l’infuso e berlo in caso di tensione nervosa, cattiva digestione, crampi, disturbi mestruali e vampate causate dalla menopausa.

Bagno caldo con olio essenziale di salvia
Quando il mal di testa o gli spasmi muscolari arrivano, prendete il vostro olio essenziale di salvia e versatene 2-3 gocce nella vasca da bagno bollente. Immergetevi e non pensate più a niente!

Un'ultima cosa: navigando sul web sono anche venuta a conoscenza di questo curioso e alquanto magico aneddotto: che se con la vostra pianta di salvia ci parlate, la sindrome premestruale sarà solo un ricordo. 
E magari il ricordo di quella battigia furente d'amore torna ad essere vivido e reale! :-D 

Se vi è piaciuto questo articolo vi consigliamo di visitare anche la pagina facebook di Green Mind, con tante idee naturali che vi stupiranno!

Nessun commento:

Posta un commento