Castrovillari, un'accoglienza indimenticabile!


Una giornata impegnativa ci aspetta, tanti chilometri da fare, tante cose  da imparare, anche se ancora non lo sappiamo! La mattina del 27 aprile ci svegliamo abbastanza presto e facciamo colazione nel patio del B&B Le Tre Dame, dove poi la titolare ci parla del suo viaggio in Indonesia, dove era andata in cerca di abiti da sposa, ma è invece tornata con tanti bei pezzi d'arredamento. Preparate tutte le nostre cose siamo pronti per la ri-partenza. L'incontro di oggi ha qualcosa di speciale prima ancora di cominciare... questo perché Rosa Gugliotta, la nostra creativa di Castrovillari, ha organizzato in nostro onore un evento su facebook coinvolgendo tanti amici che già dalle 10.30 iniziano ad arrivare al suo negozio: Lacorte dei Colori.
Noi insieme a Rosa Gugliotta e alla sua bomboniera!
Il problema è che noi siamo ancora sulla famigerata autostrada Salerno-Reggio Calabria, un interminabile susseguirsi di cantieri che costringono le auto su un'unica corsia in entrambi i sensi di marcia per buona parte del tragitto.
Trovando parecchio traffico ci mettiamo molto più del previsto, arrivando verso le 12.30. Una volta sul posto però l'accoglienza è quanto di più caloroso ci potessimo immaginare! Non abbiamo mai visto tante persone tutte insieme desiderose di conoscerci e saperne di più sul nostro viaggio! In pochi attimi ci troviamo al centro dell'attenzione e gli ospiti di Rosa iniziano a farci domande sul matrimonio sponsorizzato e sulle tappe del Giro d'Italia in 60 Bomboniere. Siamo estremamente felici perché poter condividere la nostra storia e diffondere la novità delle nozze con lo sponsor sono due dei tanti obiettivi del nostro giro. Rispondiamo cercando di soddisfare la curiosità di tutti quanti e poi, insieme a Rosa, scopriamo la sua bomboniera: un piatto decorato con due angioletti con particolari dorati.
Alcuni dei lavori esposti
da Rosa nel suo negozio.
Eccoci con alcune delle persone
presenti all'evento! Grazie a tutti!
I piani di Rosa per la nostra giornata a Castovillari però sono solo all'inizio. Infatti, subito dopo la conclusione dell'evento al suo negozio ci porta al Ristorante del Cavaliere, che conosce bene e con cui ha preso degli accordi apposta per noi. Una volta arrivati al ristorante ci troviamo ad assaggiare una carrellata di prelibatezze locali che ci sembra infinita. E' tutto davvero buonissimo, anche i piatti che ci sembrano più insoliti scopriamo che hanno sapori eccezionali! 
Durante il pranzo abbiamo modo di conoscere meglio Rosa parlando in attesa che ci raggiunga anche Lorenzo La Vitola, un suo amico che già prima abbiamo incontrato in negozio e che ha scattato tutte le fotografie dell'evento (comprese quelle che vedete in questo articolo), potete trovarle sul suo profilo facebook: QUI. Rosa è poi costretta a lasciarci per tornare in negozio, ma ci lascia decisamente in buone mani. Lorenzo infatti ci porta verso il Castello Aragonese di Castrovillari, dove ci aspetta anche la dott.sa Teresa Ruffolo, vicepresidente dell'associazione Sifeum, che ha aperto il castello appositamente per noi e ci farà anche da guida!
In questa foto scattata da Lorenzo La Vitola
si può vedere la minacciosa Torre Infame,
teatro di innumerevoli torture nel corso
dei secoli in cui la prigione è stata in funzione
Il Castello Aragonese, ci viene spiegato, nasce ed è stato utilizzato per secoli come prigione, solo negli ultimi anni del secolo scorso ha smesso questa sua funzione ed è stato convertito in monumento aperto al pubblico solo nel settembre del 2011. Quindi si tratta di un castello sconosciuto ai più, ma che merita soprattutto per le caratteristiche particolari come i cunicoli, le scale estremamente ripide per salire sul mastio chiamato in modo evocativo "la Torre Infame" e le stanze dei carcerati che, unite alle spiegazioni della guida, rendono bene l'idea di quella che poteva essere la vita per i condannati di allora. 
Dalla cima della torre si può ammirare un bellissimo panorama di Castrovillari e dei monti del Pollino, uno dei più grandi parchi naturali d'Europa! Un'altra cosa interessante che impariamo in compagnia di Lorenzo e della dott.sa Teresa di Sifeum è che in questi territori della Calabria, da oltre 500 anni, vive una popolazione chiamata Arbëreshë. Si tratta di una minoranza linguistica albanese risalente ai tempi del patriota Skanderbeg, a seguito del quale tante persone si sono spostate nell'Italia meridionale conservando però molti tratti distintivi della loro cultura fino ai giorni nostri. L'ultima cosa che vediamo a Castrovillari è il protomonastero francescano, il primo monastero in Calabria, fondato proprio a Castrovillari in quanto era la prima città al di là del sistema montuoso del Pollino.
Eccoci all'interno del protomonastero francescano!
Terremo sempre con noi un bellissimo ricordo di Castrovillari, ma è ormai tempo di ripartire verso Rende, vicino a Cosenza, per arrivare alla destinazione finale di questa giornata, il B&B Giangurgolo. A Cosenza è presente un'altra delle nostre creative, Creare con Classe, che oltre alle bomboniere, si occupa di tutto ciò che riguarda i matrimoni, infatti fa la wedding planner e vi invitiamo a vedere la sua pagina. Non possiamo incontrarla, ma solo perchè da pochissimi giorni ha avuto il suo bambino! Augurissimi neomamma! ^_^




Una delle camere del B&B Giangurgolo.
Arriviamo verso sera a Roges di Rende e siamo accolti dal padre del proprietario del B&B Giangurgolo che, oltre a farci accomodare nella nostra camera, ci mostra tutte le altre e ci fornisce tutto il necessario per la colazione. Il nome deriva dalla aschera calabrese della commedia dell'arte ed è davvero un posto tranquillo, con una bella cucina comune ed un grande balcone, le stanze sono tutte grandi e non mancano di certo i libri a disposizione nel caso vi venga voglia di leggere! Scopriamo infatti che entrambi i genitori del proprietario sono stati entrambi professori di liceo, senza dubbio appassionati di letteratura. 
Durante questa giornata abbiamo imparato tante cose e provato tante bellissime emozioni che non potremo mai dimenticare! L'indomani ci aspetta l'arrivo in un altro posto magico del nostro Paese, lo Stretto di Messina!
Non mancano tanti libri se amate la lettura!
Un comodo e ampio
balcone con vista sulla città.
Tutte le stanze hanno mobili,
soprammobili e stampe d'epoca.

Nessun commento:

Posta un commento