Casalinghe (e neo spose) disperate!


Diamo oggi il benvenuto ad una nuova serie di articoli che ci accompagnerà ogni settimana, scritti per voi da Green Mind, che ha deciso di dare una mano alle sposine (ma perché no, anche agli sposini!) con preziosi consigli di eco-domestici! Ora passiamo la parola a loro e vi lasciamo nelle loro verdissime mani! ^_^


Non è più come una volta. Quando dalla cucina di mamma si passava direttamente a quella di casa propria, maritate, sconsolate ma gioiose, totalmente inconsapevoli dell'uomo che ora, oh mio Dio!, dorme con noi nel letto, prestazioni incluse!
Oggi in soccorso della donna (mah!) c'è l'indipendenza.
E prima ancora, la convivenza. Il banco di prova pre-matrimoniale. Dove ci si testa, uomo e donna alle prese con mestoli e pentolame dell'Ikea (perché la convivenza, come molte di voi sapranno, non presume la lista nozze!), letti disfatti, ragnatele agli angoli di mura domestiche tinteggiate di fresco, cessi da lavare e armadi da sistemare al cambio di stagione.
Insomma, ci si può sempre tirare indietro... Oppure si corona il sogno d'amore con l'abito bianco, magari non proprio quello di Cenerentola, ma è bellissima anche Pocahontas in fondo.
“Amore chi cucina stasera?”: la guerra ha finalmente inizio e le sparizioni improvvise anche. Che, guarda caso, avvengono sempre al momento del lavare i piatti, inesorabile montagna di grasso da spazzare via a forza di spugnate... “Tesoro mi scappa la c***a!”. Ma guarda te, devono essere stati i fagioli.”

Insomma, tra convivenza e matrimonio c'è di mezzo la consapevolezza di sapere chi ti metti nel letto ogni sera.
I simpatici problemi domestici, invece, rimangono gli stessi.
E noi di GreenMind, che nella nostra quotidianità parliamo di come lavorare poco in casa risparmiando le risorse dell'ambiente, del portafoglio e anche un bel po' di tempo, vogliamo darvi settimanalmente piccoli consigli di ecologia domestica.
E come disse non so chi, la domenica fate l'amore, non la spesa! ;-)

Detersivo autoprodotto
Prendere 1 limone grande, 200 gr di sale, 200 ml di acqua, 100 ml di aceto bianco. A questo punto tagliare il limone a pezzi a tritarlo finemente in un mixer con il sale e un pochino d'acqua.








Prendere un tegame di medie-piccole dimensioni, versare la pasta della frullatura, aggiungere il restante d'acqua e l'aceto e fare cuocere 10 minuti mescolando spesso. 









La vostra pasta lavante dovrebbe essere piuttosto soda. Fate raffreddare e addensare, poi versate il tutto in un contenitore di vetro. Quando farete la lavastoviglie, mettetene due cucchiai nella vaschetta e buon lavaggio!










Nessun commento:

Posta un commento