Lampade volanti

Le lampade volanti, chiamate anche lanterne del cielo, lanterne cinesi, palle di fuoco, sky lantern, lanterne di carta, Khoom Loy o Khoom Fay in tailandese, sono utilizzate in Asia orientale da quasi 2000 anni per la celebrazione di festività religiose, compleanni e matrimoni.
Questi oggetti, che talvolta sono stati addirittura scambiati per degli UFO utilizzano lo stesso principio della mongolfiera e vengono realizzati con un corpo di carta appoggiato su una struttura rigida al cui interno viene posta una fonte di calore in cera combustibile. Quando viene accesa la fiamma, il calore scalda l'aria all'interno diminuendone la densità conseguentemente a ciò l'oggetto si alza in volo. La lanterna rimane in volo finché la fiamma rimane accesa, dopo di che plana lentamente al suolo spenta.
Negli ultimi anni c'è stato un incremento dell'utilizzo delle lampade volanti tanto da diventare protagoniste oltre che di feste anche di alcuni importanti eventi cittadini, ne citiamo un paio: Mantova ha spento le luci elettriche per l’iniziativa “M’Illumino di meno”. Venerdì 18 febbraio in piazza Sordello il sindaco Nicola Sodano ha acceso la prima lampada volante dando così il via alle altre 120 che si sono alzate verso il cielo illuminando Palazzo Ducale, il Castello e gli altri monumenti del centro storico. Uno scenario suggestivo che ha visto la partecipazione di centinaia di cittadini, dai più giovani ai meno. Presenti anche il vicesindaco Alessandra Cappellari, gli assessori Arnaldo De Pietri e Vincenzo Chizzini, il presidente del consiglio comunale Giuliano Longfils e alcuni consiglieri. L’iniziativa, promossa a livello nazionale dalla redazione Caterpillar, ha visto l’adesione del Comune di Mantova che ha organizzato il programma in città in collaborazione con Tea Sei, la società che si occupa della gestione della rete di illuminazione pubblica. A partire dalle 18 sono stati spenti gli impianti d’illuminazione del Castello di San Giorgio, del complesso monumentale di Palazzo Ducale (e Cortile della Cavallerizza), della Cupola della Basilica di Sant’Andrea, della Rotonda di San Lorenzo, del Palazzo della Ragione e del Campanile della Basilica Palatina di Santa Barbara. Abbassate le luci anche nelle aree di ristorazione, bar ed esercizi commerciali.



Con lo spegnimento degli impianti di illuminazione pubblica sui monumenti citati è stato ridotto il consumo di 0,012 Tep (Tonnellate equivalenti di petrolio) e 27 chili di CO2 in meno di emissioni.

Nel 2010, le lampade volanti erano state il fanalino di punta del Fuori Salone del Mobile a Milano, con un'iniziativa volta a sensibilizzare il pubblico sui RAEE (rifiuti di apparecchiature elettriche e elettroniche), un momento per "ricordare a tutti che una lampadina a basso consumo energetico deve essere portata in piazzola e non messa nel sacco dell'indifferenziata"

Non tutte le lampade volanti sono completamente amiche dell'ambiente, alcune lo sono più delle altre, è per questo che è importante che vi affidiate a ditte i cui prodotti sono certificati.
Per il nostro spettacolo notturno ci siamo affidati a Lampade Volanti perchè le loro sono completamente biodegradabili e una volta spente cadono al suolo e si decompongono in tempi brevissimi senza causare danni all'ambiente o agli animali. Sono sicure, certificate e realizzate con materie prime di altissima qualità.
Dopo le prove le lampade sono state dichiarate esenti CE. Hanno passato anche diverse norme di sicurezza e altre direttive comunitarie, per lo più per la sicurezza antincendio e di reazione al fuoco.
Ogni lampada è realizzata in carta di riso su un telaio di bambù, con un carburante fatto in cotone, cera e paraffina. Non contengono parti in metallo. Il filo di ferro che sorreggeva il carburante è stato sostituito da un filo di lana naturale, resistente e biodegradabile.
Le lampade che vendono possono volare in cielo per oltre 10 minuti, raggiungendo altezze superiori a un chilometro. Vengono prodotte da un'azienda thailandese molto seria, le cui condizioni di lavoro sono in regola con quelle europee al contrario, come spesso accade di quelle cinesi il cui prodotto è, oltre a ciò, qualitativamente inferiore.

Le lampade volanti che si acquistano sul sito
www.lampadevolanti.com sono cilindriche (tutte le lanterne thai lo sono) e 100% ecologiche (carta di riso, bamboo e senza fili di ferro) mentre quelle cinesi sono a forma di pallone, ma attenti, non tutte sono eco.

Lampade Volanti è nata dopo un viaggio di Lorena che si è perdutamente innamorata di questi oggetti e ha deciso di importarli - Sinceramente potevamo scegliere di acquistarle in Cina - confessa - risparmiando molto...infatti se guardi in giro 
ci sono anche aziende che le vendono a prezzi più bassi ma noi preferiamo dare un prodotto di qualità e sicuro e soprattutto amico dell'ambiente - parole che malauguratamente non si sente dire troppo spesso nella nostra società - Poi non è detto che in futuro non acquisteremo in Cina delle lampade che fan solo loro, come quella bellissima a forma di ufo o quella di Halloween, ma cerchiamo tassativamente un'azienda seria, che garantisca condizioni di lavoro sostenibili. Per quanto riguarda il viaggio purtroppo in Italia nessuno produce lampade volanti, non è nella nostra tradizione e verrebbero davvero a costare troppo. Non potendo sorvolare sul trasporto per diminuire il più possibile il nostro impatto ambientale e le emissioni inquinanti, ci affidiamo alla nave invece che all'aereo, in un viaggio che dura circa 3 mesi. -

Ecco una tabella delle emissioni a parità di tratta percorsa


Inoltre per il sito www.lampadevolanti.com viene utilizzato un web hosting ecologico (server verde), con una politica ambientale sostenibile. Il servizio è fornito da Dreamhost.com il quale utilizza esclusivamente energia pulita, generata da sole e vento, e partecipa a piani di compensazione di CO2, con la protezione e la riqualificazione di aree boschive (certificazione Green-E).


La storia delle lanterne volanti

Secondo la tradizione popolare cinese, Kongming fu il primo pallone ad aria calda ad essere stato lanciato in cielo. Si dice che sia stato inventato dal saggio e stratega militare cinese Zhuge Liang, chiamato in modo reverenziale Kongming. Alcuni sostengono che questa scoperta tecnologica gli sia stata attribuita erroneamente, causa la storica pratica cinese di attribuire grandi scoperte a significativi personaggi della storia, piuttosto che agli inventori reali.
Secondo il sinologo e storico della scienza Joseph Needham, i cinesi cominciarono a sperimentare le mini-mongolfiere fin dal III secolo BC, il che suggerisce che l'attribuzione dell'invenzione a Kongming sia alquanto anacronistica.



Un volo un desiderio

In linea con le credenze tradizionali tailandesi, lanciare una lanterna volante porta fortuna ed aiuta a liberare in cielo problemi e preoccupazioni. Cosa c'è quindi di meglio per una giovane coppia squattrinata come noi?
Le lanterne simboleggiano la conoscenza (ahi, ahi, andavo male a scuola è Maurizio l'acculturato). La loro luce guida sulla giusta strada, quella da seguire durante il corso della vita.
La pratica tradizionale tailandese vede lanciare in una sera diverse lanterne colorate, le quali rappresentano diversi desideri:
Il rosso simboleggia la vitalità, la passione, la gioia e la Dea bendata. Questo colore viene utilizzato per festeggiare matrimoni, celebrazioni e per portare fortuna, sopratutto nel gioco.
Il verde simboleggia la giovinezza, la crescita, l'equilibrio e la pazienza. Il colore verde viene utilizzato per esprimere desideri di prosperità, speranza e armonia.
L'arancio è associato al cambiamento, all'adattabilità e alla spontaneità. Viene utilizzato per esprimere desideri di cambiamento, anche nell'ambito lavorativo.
Il rosa rappresenta i sentimenti fondamentali, la bontà, l'amore e l'amicizia. Lanciare una lanterna volante rosa porta fortuna alla sfera affettiva.
Il viola o lilla simboleggia l'indipendenza, la creatività, il mistero e la magia. Lanciare una lanterna viola è di buon auspicio per migliorare la carriera lavorativa o per trovarne una nuova.
L'azzurro indica la calma, la fiducia e l'immortalità. Purifica l'aria e l'acqua e aiuta il nostro corpo ad eliminare i veleni. Questo colore viene scelto per esprimere desideri sulla guarigione fisica e mentale.
Il bianco simboleggia la purezza, la giustizia, la forza, gli spiriti. Viene scelto per esprimere desideri riguardanti la salute. É il colore adatto per un nuovo inizio o un passaggio verso qualcosa di nuovo.


E' sufficiente scegliere il colore, accendere la lampada ed esprimere un desiderio nella speranza che, una volta raggiunto il cielo, esso possa avverarsi. I desideri normalmente riguardano la salute, l'amore e la prosperità ma chi non vorrebbe vincere la lotteria?


Il simbolismo


Il festival Loi Kratong a Mae Jo, vicino Chiang Mai
Visto il largo utilizzo possiamo affermare che oggi il nord della Thailandia è la patria delle lanterne volanti, le quali sono diventate parte del tessuto sociale. Anche se non ne sono la culla natale oggi in tutto il paese le lanterne vengono ampiamente utilizzate per celebrare festività religiose e non, durante tutto l'anno.
Il simbolismo che sta dietro le lampade può essere attribuito alla natura religiosa della festa, e l'uso tradizionale di lanterne thai nella storia del paese.

Uno dei festival tradizionali tailandesi più belli e spettacolari è quello di Loy Kratong a Chiang Mai, che si svolge ogni anno durante il mese di Yee Peng.
In occasione del festival migliaia di persone si riuniscono lungo le sponde del fiume per rilasciare fiori, candele e migliaia di magiche lampade volanti.
Il festival di Loy Kratong risale a tempi antichi, quando la prima forma di questo festival era basata sulla credenza di Brahminism.
Per preparare questa cerimonia le persone dedicavano molto tempo a realizzare in casa lanterne belle, colorate e resistenti, che avrebbero offerto al tempio, chiedendo in cambio di soddisfare i loro desideri.

1 commento:

  1. sapete che adesso le ho trovate in vendita anche dai cinesi???

    RispondiElimina